Nati per credere. Perchè il nostro cervello sembra predisposto a fraintendere la teoria di Darwin

25 giugno 2009 | News ed Eventi

Giorgio Vallortigara, Ordinario Scienze Cognitive Università di Trento, in una conferenza al Museo Civico di Rovereto del ciclo I pomeriggi di Zoologia, affronta un tema affascinante. La teoria darwiniana dell'evoluzione rappresenta uno dei maggiori successi scientifici di ogni tempo; eppure molte persone che non si occupano di scienza a livello professionale la rifiutano e mostrano invece di credere in varie forme di creazionismo. Sembra che il nostro cervello sia stato specificamente "progettato" per fraintendere il darwinismo e che l'ipotesi di una "mente creatrice" sia per l'uomo più attraente e naturale.

Video correlati
  • I giovedì della botanica 2018: Lorenzo Marini ...
    19 giugno 2018
    Conversazioni
  • XIII Workshop di geofisica, "la geofisica applicata ...
    13 novembre 2017
    Conversazioni
  • I giovedì della zoologia-biologia 2016. Interviene Filippo ...
    19 giugno 2017
    Conversazioni
  • I giovedì della botanica 2016. Interviene Filippo ...
    05 giugno 2017
    Conversazioni
  • Alieni tra noi. Invasioni biologiche ed evoluzione
    23 maggio 2016
    Conversazioni
  • I turbamenti del giovane Darwin, con Marco ...
    11 aprile 2016
    Conversazioni
  • I giovedì della botanica 2015. Prosser sul ...
    04 gennaio 2016
    Conversazioni
  • I giovedì della botanica 2015. Prosser sul ...
    04 gennaio 2016
    Conversazioni
  • I giovedì della botanica 2015. Stedile, Zorer ...
    07 dicembre 2015
    Conversazioni
  • I giovedì della botanica 2015. Stedile, Zorer ...
    07 dicembre 2015
    Conversazioni
  • I giovedì della botanica 2014. Zorer, Prosser ...
    06 luglio 2015
    Conversazioni
  • I giovedì della botanica 2014. Zorer, Prosser ...
    06 luglio 2015
    Conversazioni